Recensione di Kairos a cura di Michele Delpiano

Leggere Kairos di Cinzia Luigia Cavallaro significa conoscere una storia d’amore senza un lieto fine, soffrire, immergersi nei flutti annichilenti dell’amore. Leggere Kairos significa leggere l’amore nel suo momento di illusione, di splendore, di disillusione, di dolore. I versi sono brevi; molte composizioni sono brevi: allora breve è l’amore? allora breve è il suo splendore? Forse si. Almeno lo è per Cinzia. Si parte dall’originaria operazione di piantamento del seme dell’amore e si arriva, percorrendo sentieri tortuosi, spinosi e oscuri, alla dissoluzione, al nulla, o quasi. Infatti la stessa autrice, nell’ultima poesia della silloge, ci suggerisce: Quel poco che resta di me vaga per il mondo. Senza meta e senza te. Che cosa è quindi per Cinzia amare? Amare è frantumarsi, ridursi, annullarsi. Amore è sinonimo di abnegazione. Infatti si legge in più poesie, laddove l’illusione prende piede e si impadronisce dei versi, la volontà di perdermi in te, di sentirsi un tutt’uno con te prima ancora di essere me, le vie sono senza senso in assenza di te. Questo perché lui, colui il quale dovrebbe essere il fruitore del suo amore, colui il quale è il motivo per il quale Cinzia si auto-annulla, è il suo pane quotidiano, la sua casa (io dimoro in te). E cosi l’anima di Cinzia, senza il suo pane quotidiano, senza la sua casa, è sgretolata, annullata, dissolta. Anzi di più: Li è rimasta l’anima mia sul tavolo da cucina sopra la tovaglia bianca e blu.

Pubblicato da Stefano Donno

http://stefanodonno.blogspot.com/2010/07/sogno-amaranto-di-cinzia-luigia.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *