Recensione di Sogno amaranto pubblicata su Aphorism a cura di Paolo Coiro

“Sogno amaranto” è una storia d’amore del tutto originale, ma prima di tutto profonda. Un infinito di dolcezza e di amore incondizionato verso l’altro, che è tutto nell’anima più che nel cuore. Fairy è un’insegnante semplice nell’apparire e di aspetto gradevole, Dick è un attore teatrale affermato; un personaggio sul palco così come nella vita, dove indossa la maschera dell’uomo dalle mille donne. Femmine usate e buttate via senza impegnarsi con i sentimenti, che il personaggio percepisce con superficialità, ma l’uomo – nella sua nudità di sentimenti – sente e assapora con tutto il suo spirito.
Fairy invece, palesa tutto il suo amore nel suo modo di essere e di amare senza reticenze. Una donna convinta di aver visto giusto, negli occhi di quell’uomo dall’aspetto cupo e menefreghista. In quelle pupille l’innamorata ha visto bruciare la stessa passione che lei porta con sé.
Una storia d’amore che unirà due anime gemelle in un vero paradiso di emozioni empatiche, in un vortice di amore e passione che regna in queste pagine, in questa storia londinese.
Non limitiamo queste righe a un romanzo d’amore, ma la prospettiva che più merita è uno specchio di riflessione sui sentimenti e su come le persone li mostrano agli altri, molte volte ingannando se stessi e il proprio naturale bisogno di amare ed essere amati.
Cinzia Luigia Cavallaro è una scrittrice che entra in punta di piedi, ti accompagna in un girovagare di passione, frustrazione, esaltazione, sconforto. Una vallata serena che arriva a spaccarti il cuore nel finale.

Recensione di Sogno amaranto pubblicata su Aphorism a cura di Paolo Coiro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *